Bacheca messaggi Meetup Isola d'Ischia ★ Ambiente ed Energia › BAIA DEI MARONTI

BAIA DEI MARONTI

Rocco A.
user 12683894
Ischia, NA
Post n.: 1
Foto di Rocco Arcamone



Più che bruciati azzardo a dire bevuti!!!!

Allora, ne approfitto per esordire in questo forum precisando un paio di cose.

Il tubo nella foto raccoglie le acque che prima scendevano lungo una parete di tufo perfettamente levigata dall' acqua in chissà quanti secoli. Ora quella cascata naturale non esiste più, esiste il tubo.

Ma la cosa più incredibile, che mi ha lasciato stupefatto sia per l'arroganza e allo stesso tempo per l'ottusità dei nostri amministratori e dei propugnatori di questo intervento, è il ruscello che si nota alla destra del tubo: è formato da acqua che non ha un buon odore, ha un colore grigiastro ed ha una scia di schiuma ben visibile anche nella foto.

Credo, in definitiva, che i 50mila euro siano stati soldi ben spesi. Ora abbiamo la prova provata che nell'alveo di Nitrodi ci sono degli scarichi domestici che non dovrebbero esserci e che il tubo mette in evidenza, cosa che prima non avveniva.
Andrea D.
Aboliamoli.eu
Forio, NA
Post n.: 3.181



I lavori eseguiti presso il Canale di Nitrodi, come dimostrato dal preventivo linkato, consistono nella posa di tubature che incanaleranno le Acque che dalla fonte di Nitrodi naturalmente defluiscono verso il mare e finiscono nella Baia dei Maronti attraverso la foce dell'Olmitello per evitare che nel tragitto l'acqua si carichi di fango.
La logica alla base di tale scelta è molto semplice: Secondo l'Amministrazione Baranese i problemi che riguardano l'acqua dei Maronti sono riconducibili al torbido causato dal trasporto in mare di materiale fangoso ad opera del ruscello che da Nitrodi defluisce verso i Maronti.

Modificare l'assetto naturale di un ambiente umido è un intervento incisivo e radicale che potrebbe avere effetti imponderabili sull'assetto idrogeologico della zona, e sarebbe sicuramente fatale per le specie vegetali ed animali che ancora vivono l'area. In particolare, i torrenti di acqua dolce dell'Isola sono l'habitat di anfibi come il rospo smeraldino, protetto dalla Convezione di Berna per la Salvaguardia della fauna minore e dalla direttive CEE 92/43 a difesa delle specie vegetali ed animali di interesse comunitario, esponendosi l'intervento comunale a potenziali condanne da parte della Corte di Giustizia Europea.

L'intervento del Comune potrebbe rivelarsi poi molto dannoso in una prospettiva futura, non intervenendo sul problema della depurazione, ma semplicemente spostandolo a monte con gravi danni all'Ambiente in una una zona - quella dell'alveo di Nitrodi sino all'Olmitello -- ad elevato pregio naturalistico, paesaggistico, geologico, storico ed archeologico.

Queste zone rappresentano infatti uno degli ultimi siti in cui si può ritrovare l'unica specie di anfibio delle isole flegree, il Rospo Smeraldino (Bufo viridis) e l'isola d'Ischia detiene il primato di essere l'unica isola flegrea ad ospitare le ultime popolazioni di tale anfibio.

A riprova di ciò uno studio pubblicato da Vivara Onlus -- Amici delle Piccole Isole e che è risultato in un libro, consultabile online, dal titolo "L'isola dei Rospi".

Il Rospo Smeraldino è protetto: * dalla convenzione di Berna per la salvaguardia della fauna minore - Appendice II * dalla "Direttiva Habitat" (92/43/CEE del 21/05/92; G.E.CEE N:L: 206/7 del 25/07/92) - Allegato IV (Specie Animali e Vegetali di Interesse Comunitario che Richiedono una Protezione Rigorosa)

Si rende noto che recentemente l'Italia è stata condannata dalla Corte di Giustizia Europea proprio per il non rispetto dell'Art. 6 comma 2 della Direttiva Habitat 92/43/CEE che si applica alle zone Natura 2000 nello specifico per il sito sardo «Is Arenas» nella provincia di Oristano.
Ci auguriamo che per la trascuratezza di pochi non si venga a creare analoga situazione.
Anche l'Isola d'Ischia è una zona Natura 2000 e quindi anche ad essa si applica la Direttiva Habitat il cui Art. 6, ai commi 2 e 3, recita:

2. Gli Stati membri adottano le opportune misure per evitare nelle zone speciali di conservazione il degrado degli habitat naturali e degli habitat di specie nonché la perturbazione delle specie per cui le zone sono state designate, nella misura in cui tale perturbazione potrebbe avere conseguenze significative per quanto riguarda gli obiettivi della presente direttiva.

3. Qualsiasi piano o progetto non direttamente connesso e necessario alla gestione del sito ma che possa avere incidenze significative su tale sito, singolarmente o congiuntamente ad altri piani e progetti, forma oggetto di una opportuna valutazione dell'incidenza che ha sul sito, tenendo conto degli obiettivi di conservazione del medesimo. Alla luce delle conclusioni della valutazione dell'incidenza sul sito e fatto salvo il paragrafo 4, le autorità nazionali competenti danno il loro accordo su tale piano o progetto soltanto dopo aver avuto la certezza che esso non pregiudicherà l'integrità del sito in causa e, se del caso, previo parere dell'opinione pubblica.

Siamo altresì dell'opinione che qualsiasi tipo di lavori che riguardi un bene di pubblico demanio come i corsi d'acqua naturali debbano essere preventivamente pubblicizzati e oggetto di confronto. La natura non è sempre soggetta a calcoli di mera ingegneria, ma anche a valutazioni di tipo sociale e di pubblica fruibilità, valutazioni da tenere in considerazione nelle corrette sedi decisionali, che ribadiamo appaiono non essere quelle di una semplice Giunta Comunale vista l'importanza del sito.
Donato M.
Staff_M5S_Ischia
Ischia, NA
Post n.: 308
articolo montato (insieme a quello del 2007), pubblicato e inviato alle redazioni con approvazione dei presenti

http://www.movimentoischia.it/index.php/2010/08/18/comunicato-2/­
Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 489
articolo montato (insieme a quello del 2007), pubblicato e inviato alle redazioni con approvazione dei presenti

http://www.movimentoischia.it/index.php/2010/08/18/comunicato-2/­



Gowink
della
user 6593998
Ischia, NA
Post n.: 318
shock
Andrea D.
Aboliamoli.eu
Forio, NA
Post n.: 3.185
Zampilli di merda ai Maronti

Sotto l’occhio di turisti meravigliati, proprio dove comincia la passeggiata in legno sulla spiaggia dei Maronti, venerdì sera, verso le 19.00, il vascone è scoppiato!… e dallo scoppio, i tubi neri che scendono verso la spiaggia non hanno più tenuto alla pressione. Lo spettacolo è stato indegno! La merda zampillante si è prima fermata sulla spiaggia e poi ha proseguito il suo percorso fino a mare.

Nonostante le proteste dei turisti sia per lo spettacolo che per la puzza, i vigili urbani, interpellati, non sono intervenuti ma hanno assicurato l’intervenuto celere dell’Ufficio Tecnico Comunale. Dopo mezz’ora è giunto sulla spiaggia dei Maronti il camion degli espurghi per togliere la merda dalla spiaggia. Ormai, per quello sversato fino in mare non c’è stato più nulla da fare.

Secondo una prima ricostruzione, è possibile, che un’attività ricettiva – col pienone in questi giorni – nel pomeriggio di ieri, proprio in considerazione di questa grande affluenza, abbia cominciato a pompare merda. Pompa e ripompa e il vascone (forse sottodimensionato? Ndr) non tiene più… e noi ci facciamo una “bella figura di cacca!”.

Al caro Sindaco Paolino Buono rivolgiamo l’invito, sincero e sentito, a voler monitorare la situazione con “pressione” (non troppa, altrimenti rompe i tubi, ndr) e con attenzione lo stato delle “sue” fogne… La salute dei Maronti è per e di tutti!
Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 542
Nel comune Michele Iacono & Co. alla ricerca di fondi confusedper intubare l acqua di nitrodi!!!!!!!!500euri ad attività nel paese alcuni hanno già versato!!!!!!!

Il DELIRIO continua.shock
Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 567
Stamattina Nitrodi vista all' altezza della doccia pubblica......................


Lo scarico non va nel tubo????



Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 752
Ieri una delegazione dell opposizione Baranese è scesa giù Nitrodi a verifica dello stato.
Stato Pessimo.crying
Antonello I.
Λεωνίδας
Ischia, NA
Post n.: 1.336
Oggi Sabato di Pasqua, 23 Aprile 2011, ore 6.15:

- Ecco come si presenta il mare dei Maronti sin dal mattino.




Il sindaco di Barano dice che il mare è pulito.

L'ha detto a Teleischia (la TV locale il 20.04.2011) e quando l'ho sentito dire che i Maronti sono puliti in cuor mio mi ripetevo: "Speriamo che abbia ragione. Speriamo che abbia ragione perchè la stagione è alle porte. Speriamo che abbia ragione perchè questo fine settimana è il primo appuntamento della stagione turistica dei Maronti".

Poi stamane mi affaccio fuori casa e vedo questo spettacolo. (Clicca sulla foto per una migliore definizione)







Allora mi pongo delle domande:

Ma ha avuto senso nel dire tutte quelle chiacchiere in Televisione a proposito dei Maronti?
Ha parlato di mare pulito. Sarebbe questo?
Lo stesso schifo che vediamo da oltre 10 anni ai Maronti?
Sarebbe questa l'idea che il sindaco ha di "Mare Pulito"?
E secondo lui a quale livello di sudiciume deve giungere questa Baia, un tempo stupenda, per poter ricevere l'attenzione che merita da chi, invece, dovrebbe preservarla?

Ma si può fare?????? shock

E voi? Voi che avete visto questi 50 secondi scarsi di video? (Se l'avete visto biggrin)
Che ne pensate? Non del video ma della situazione che denuncia. tongue

Pensate che il sindaco impersoni il solito politico locale che si cimenta in TV nella solita demagogia delle chiacchiere (mare pulito, tutela dell'ambiente, restyling cittadino etc...) per poi glissare sulle domande e deviare il discorso per non affrontarlo come si converrebbe?
Forse perchè il tema da trattare sarebbe troppo lungo e complicato?
O forse per evitare di subire giudizi che potrebbero non essere poi così educati?
È giusto descrivere il paese delle fiabe edulcorando la realtà in modo da offuscare la vista sui problemi reali che non si vuole o non si è capaci di affrontare con soluzioni sostenibili e all'avanguardia con un approccio che vada al di la del proprio naso?

Oppure è vostra opinione che il sindaco di Barano abbia ragione?
Ossia ritenete che il mare dei Maronti sia pulito?

E forse pure si. Forse ha ragione lui. Magari è tutto un inganno teso a criticare l'amministrazione, e a creare un danno all'immagine dei Maronti, perchè:

"Poi, alla fin fine lo sappiamo tutti come funziona con i video e le foto al giorno d'oggi. Non fanno testo perchè potrebbero benissimo essere stati manipolati e montati ad arte".
(Parole del sindaco rivolte ad uno tra i partecipanti ad una recente riunione indetta dall'amministrazione con gli operatori dei Maronti allorché costui, anch'egli operatore turistico ai Maronti, sollevò dubbi circa l'analisi del problema inquinamento operata dall'amministrazione, citando tra l'altro i video-verità del Movimento 5 Stelle Isola d'Ischia).

- Leonida -
Powered by mvnForum

La gente in questo
Meetup appartiene anche a:

Iscriviti

Iscritti a Meetup, Entrate

Cliccando "Iscriviti" o "Iscriviti usando Facebook", confermi di accettare i nostri Termini di Servizio & Politica di Privacy