Bacheca messaggi Meetup Isola d'Ischia ★ Ambiente ed Energia › Urbanistica - Abusivismo Edilizio

Urbanistica - Abusivismo Edilizio

Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 1.108
Nuovo aggiornamento del luogo 01/02/2012, abbiamo ­protocollato richiesta intervento con foto il 15 settembre.









Situazione di via Matarace (Piedimonte Barano) il 16 giugno alcune foto le altre nella sezione foto"segnalazioni"



Situazione il 2 agosto 2011 foto





Sono 300/400mt di strada in salita dissestata al 90% e con evidente abbandono nei contorni,(è una strada cieca con un rione di circa 60/70 famiglie).
­





La gru e l auto tolte.....................1 a 0 ,segnalazione e sollecitazione hanno avuto il loro peso.
Ecco le foto anche se hanno veramente esercitato il minimo della segnalazione




Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 1.140


Il 5 Maggio2012 abbiamo segnalato questa assurda scoperta sotto il Plesso "abbandonato" di Piedimonte :
I reflui in balia delle camere d' aria del futuro asilo-nido e mensa(doveva essere ultimato ad agosto 2010),su ce l attuale asilo ed elementari a meno di 3metri,un puzzo enorme e un ambiente malsano, che ignari tocca conviverci a dipendenti(maestre e bidelli)e ai circa 200bambini!!!.



Non appena "segnalato" a mezzo stampa,l' indomani stesso è arrivato il camion dello spurgo ad aspirare il tutto,ci si attendeva nelle settimane a seguire un ripristino quantomeno parziale ed invece siamo punto ed a capo, le vasche "innaturali si sono riempite di nuovo,visto che null altro è stato fatto.





Non è ammissibile tale superficialità.
Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 1.141


Il 5 Maggio2012 abbiamo segnalato questa assurda scoperta sotto il Plesso "abbandonato" di Piedimonte :
I reflui in balia delle camere d' aria del futuro asilo-nido e mensa(doveva essere ultimato ad agosto 2010),su ce l attuale asilo ed elementari a meno di 3metri,un puzzo enorme e un ambiente malsano, che ignari tocca conviverci a dipendenti(maestre e bidelli)e ai circa 200bambini!!!.



Non appena "segnalato" a mezzo stampa,l' indomani stesso è arrivato il camion dello spurgo ad aspirare il tutto,ci si attendeva nelle settimane a seguire un ripristino quantomeno parziale ed invece siamo punto ed a capo, le vasche "innaturali si sono riempite di nuovo,visto che null altro è stato fatto.





Non è ammissibile tale superficialità.




Sono stato in contattato anche da Raicaldo ,potrebbe uscire gia qualcosa domani o dopodomani sul Golfo.........................che ne dite di depositare una richiesta di ripristino totale anche al comune appena uscito anche sul golfo?
L' area sta davvero messa male è con le temperature in aumento le zanzare "particolari" pullulano e di sicuro l habitat è "ottimo anche per i topacci", è uno schifo, in oltre come è ripresa tutta la zona dalle foto di un anno fa(non è cambiato nulla,anzi), è evidente che è incustodita(cancello aperto, 250mq di stanze senza infissi al consumo prima di "nascere",erano integre(vecchie),sono state scorticate per essere riprese e sono li abbandonate e il degrado ambientale(erba alta ,tombini instabili ,materiale di risulta vario) è ricco e abbondante............Sia Mario che Raicaldo hanno ben chiara l area, siamo andati insieme la prima volta.

In questa foto:


Edificio Piedimonte 28gennaio2011, qui si completava lo smantellamento o scorticata, oggi è naturalmente peggio!!


In questa ci si rende conto dei tempi prefissati per la consegna, agosto 2010


Ecco com'è oggi 21 maggio 2012, immutato ed abbandonato.


Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 1.143
Oggi sul golfo l' articolo, stamattina sono stato a protocollare il sollecito al ripristino del luogo.






Il 5 Maggio2012 abbiamo segnalato questa assurda scoperta sotto il Plesso "abbandonato" di Piedimonte :
I reflui in balia delle camere d' aria del futuro asilo-nido e mensa(doveva essere ultimato ad agosto 2010),su ce l attuale asilo ed elementari a meno di 3metri,un puzzo enorme e un ambiente malsano, che ignari tocca conviverci a dipendenti(maestre e bidelli)e ai circa 200bambini!!!.



Non appena "segnalato" a mezzo stampa,l' indomani stesso è arrivato il camion dello spurgo ad aspirare il tutto,ci si attendeva nelle settimane a seguire un ripristino quantomeno parziale ed invece siamo punto ed a capo, le vasche "innaturali si sono riempite di nuovo,visto che null altro è stato fatto.





Non è ammissibile tale superficialità.




Sono stato in contattato anche da Raicaldo ,potrebbe uscire gia qualcosa domani o dopodomani sul Golfo.........................che ne dite di depositare una richiesta di ripristino totale anche al comune appena uscito anche sul golfo?
L' area sta davvero messa male è con le temperature in aumento le zanzare "particolari" pullulano e di sicuro l habitat è "ottimo anche per i topacci", è uno schifo, in oltre come è ripresa tutta la zona dalle foto di un anno fa(non è cambiato nulla,anzi), è evidente che è incustodita(cancello aperto, 250mq di stanze senza infissi al consumo prima di "nascere",erano integre(vecchie),sono state scorticate per essere riprese e sono li abbandonate e il degrado ambientale(erba alta ,tombini instabili ,materiale di risulta vario) è ricco e abbondante............Sia Mario che Raicaldo hanno ben chiara l area, siamo andati insieme la prima volta.

In questa foto:


Edificio Piedimonte 28gennaio2011, qui si completava lo smantellamento o scorticata, oggi è naturalmente peggio!!


In questa ci si rende conto dei tempi prefissati per la consegna, agosto 2010


Ecco com'è oggi 21 maggio 2012, immutato ed abbandonato.


Iscritto precedentemente
Post n.: 33
ottimo ,Davide!!!biggrin
Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 1.153


Il 5 Maggio2012 abbiamo segnalato questa assurda scoperta sotto il Plesso "abbandonato" di Piedimonte :
I reflui in balia delle camere d' aria del futuro asilo-nido e mensa(doveva essere ultimato ad agosto 2010),su ce l attuale asilo ed elementari a meno di 3metri,un puzzo enorme e un ambiente malsano, che ignari tocca conviverci a dipendenti(maestre e bidelli)e ai circa 200bambini!!!.



Non appena "segnalato" a mezzo stampa,l' indomani stesso è arrivato il camion dello spurgo ad aspirare il tutto,ci si attendeva nelle settimane a seguire un ripristino quantomeno parziale ed invece siamo punto ed a capo, le vasche "innaturali si sono riempite di nuovo,visto che null altro è stato fatto.





Non è ammissibile tale superficialità.



Questo è l' articolo del 4 maggio, mentre questo è del 22 maggio.





"20maggio" :


L' area sta davvero messa male è con le temperature in aumento le zanzare "particolari" pullulano e di sicuro l habitat è "ottimo anche per i topacci", è uno schifo, in oltre come è ripresa tutta la zona dalle foto di un anno fa(non è cambiato nulla,anzi), è evidente che è incustodita(cancello aperto, 250mq di stanze senza infissi al consumo prima di "nascere",erano integre(vecchie),sono state scorticate per essere riprese e sono li abbandonate e il degrado ambientale(erba alta ,tombini instabili ,materiale di risulta vario) è ricco e abbondante.

In questa foto:


Edificio Piedimonte 28gennaio2011, qui si completava lo smantellamento o "scorticata", oggi è naturalmente peggio!!


In questa ci si rende conto dei tempi prefissati per la consegna, agosto 2010


Ecco com'è oggi 21 maggio 2012, immutato ed abbandonato.





­QUI LA RICHIESTA PROTOCOLLATA IL 22 MAGGIO



Oggi 30 maggio sono riandato a controllare se vi fosse stato l operazione di espurgo e di parziale bonifica; bhè neanche l' ombra, parte dei reflui è stata assorbita naturalmente dal terreno.
Dalle foto si puo ben vedere il restante( l' odore e le zanzare a iosa ve le lascio immaginare).
Un piccolo appunto :riguardo la ripresa della nostra segnalazione sulc­orriere dell' isola del 30 maggio ,con risposta del Sindaco Paolino/"voce di popolo", devo dire che la parte in cui si difende reputando gli accaduti come atti vandalici, evidenzia che non sono state mai letto l articolo e viste le foto di qst giorni ,ne ci si è recati sul posto a veder cosa realmente ci sia li sotto.
Vi spiego perche:
dalla prima segnalazione con foto si evince chiaramente che non ci sono tubi rotti, ma tubi messi male e tombini non posizionati correttamente.
Dopo la prima segnalazione questi sono stati gli unici interventi come si puo vedere dalle nuove ed aggiornate foto .
E' stato apposto cemento alle giunture dei tubi( e non la regolare incollatura) e sono stati sigillati dei tombini (d' ispezione), cementati .
Si vede chiaramente nel prima e dopo, che rotture non ce ne sono dove è stata apposto cemento
.


Quindi non parliamo di atti vandalici ,ma di semplice e all ordine del giorno superficialità dei lavori eseguiti, pertanto denoto e rimarco l' assenza di controllo dell' ipotetico ripristino,in quanto nulla e dico nulla è stato fatto ,nemmeno una minima tamponatura al problema(calce per sterilizzare)
Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 1.244
Crollo di un muro di cinta sulla SS270 tra Casamicciola e Lacco( zona eliporto) alle 21 del giorno 26ago2012.



Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 1.260

Tratto da uno stato di Franco Ortolani


Previsione dei terremoti: non illudiamoci con chiacchiere da 4 amici al bar.
Prepariamoci a sostenere l’urto dei sismi
Alcuni mesi fa si è diffusa la notizia che alcuni scienziati ritenevano che in un'area di 400 km di raggio, tra la Calabria e la Sicila, possa avvenire un terremoto di magnitudo 7.5. Una intensità molto più forte di quella del terremoto dell'Aquila. Alcuni esperti insistono anche sul rischio che i nuovi eventi sismici possano essere amplificati dalla devastazione di stabilimenti industriali e chimici... Si chiamano RIR in gergo tecnico, un acronimo che sta per Rischio Incidente Rilevante. Le aree più critiche sono prorpio in Sicilia (isola storicamente esposta ai terremoti). E precisamente a Milazzo e a Priolo (vicino ad Augusta). Mentre gli altri Paesi si dotano di normative specifiche per la progettazione sismica degli impianti RIR, in Italia la normativa attuale è insufficente e i controlli affidati solo ai gestori. Per questo la Commissione Ambiente della Camera ha presentato una interrogazione parlamentare e una Risoluzione per prevenire per quanto possibile ogni rischio. Previsioni di questo tipo sono da 4 amici al bar in quanto non sono previsioni con indicazione di anno, mese, giorno e ora dell’evento atteso e si possono fare per tutte le aree già colpite da forti eventi sismici nel passato in quanto interessate da faglie attive sismogenetiche. Siccome Africa ed Europa continuano ad avvicinarsi relativamente, le faglie attive sono “cariche e in via di caricamento” di "energia tettonica". Ne discende che tutte le faglie sismogenetiche possono riattivarsi, prima o poi. Siccome tali faglie si trovano nel sottosuolo a profondità variabili da circa 6 a circa 15 chilometri, almeno quelle che hanno originato i sismi più distruttivi, è impossibile monitorarle visivamente e strumentalmente come si fa con una lesione su un edificio. La previsione non è ancora argomento serio, oggi. Ci si deve lavorare molto. Ma prevedere anno, mese, giorno e ora, poi, si concretizza nel fare uscire i cittadini dalle costruzioni in modo che se queste cadono nessuno si fa male? E se dopo i primi allarmi ed evacuazioni non si verificano i sismi, che accadrà in seguito? I cittadini, ai prossimi allarmi, usciranno dagli edifici, magari di notte con il freddo, la pioggia? Si deduce che è un illusorio diversivo: la previsione di anno, mese, giorno, ora. Siamo seri e pragmatici: gli edifici e gli altri manufatti non devono crollare qualora avvenga un sisma. Devono essere costruiti e rinforzati adeguatamente, nuovi e vecchi. Le zone costiere possono essere invase da maremoti? Bene, non abbiamo una rete di monitoraggio ed allarme precoce degli eventi. Lungo le coste a rischio tsunami c'è una urbanizzazione ed infrastrutturazione come se i maremoti non si potessero mai verificare. Invece di pensare e progettare la sicurezza dell'ambiente e dei cittadini molti parlamentari scattano all'eco delle chiacchiere da 4 amici al bar per elaborare interpellanze.
Invece di pensare a bloccare gli interventi nel sottosuolo interessato da faglie attive sismogenetiche la cui stabilità è quanto mai precaria e attualmente non “misurabile”; l’unica cosa certa è che naturalmente si riattiveranno dando origine ad un nuovo sisma. Ma allora perché andare a “sfotterle” con interventi non garantiti e trasparenti a tutti i cittadini? Tornando alle interpellanze dei parlamentari: ma, fatte da chi e a chi?...al nulla? E’ come se chi parla e non vede chiedesse chiarimenti a chi non vede e non sente?
Si prevede che alle prossime elezioni ci sarà uno tsunami di...voti! Che accadrà dopo? Qualunque cosa accada...probabilmente avverrà con interlocutori diversi.
Se poi i cittadini avranno votato per Difensori del Territorio e dei Cittadini multidisciplinari, non mercenari o aspiranti mercenari che abbiano fatto un "contratto" con i cittadini, con penali da inventare ma da pagare seriamente in modi appropriati in caso di tradimento, allora si inizierà a respirare più liberamente! Finalmente si potrà pensare a tutelare e valorizzare le risorse ambientali, culturali e produttive autoctone nell’interesse di tutti i cittadini.
Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 1.327
Detto fatto, mi ero promesso di andare a constatare cosa ci fosse a monte ed ecco qua


Ci sono andato nei canaloni, a breve posto foto e mappa della zona, un disastro!!
Ecco il fondo del canalone( salendo internamente a "Matarace-Piedimonte)(il canalone è percorribile con mezzi per molte centinaia di metri poi si prosegue a piedi e si congiunge a cirillosopra il deco di Fiaiano)
Le foto sono solo della zona e di cosa ce, le tracce son chiare, bremarch e mini palemeccaniche per avanzare e coprire, poi le piogge riportano alla luce e giu a valle.
La mia paura/terrore è lo smaltimento eternit, li su indisturbati possono frantumarlo e alla vista sempra terreno/sabbia.
La montagna (Stavia) è un monte molto roccioso e ben si vede l estrazione delle pietre( nelle foto archiviate), e come dicevo essendo roccioso l acqua defluiva pulita a valle, adesso si creano sbarramenti innaturali che dopo piogge persistenti si rompono e si ha l effetto visto nella foto su, ma rimarco sempre la doppia pericolosità(ambientale e di sicurezza).
Poi ce il danno alla collettività , in quanto ce da dire che al dopo pioggia ce l intervento della partecipata che spala e pulisce, ma si ritrova materiale di risulta costoso da smaltire.








Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 1.415
Il movimento di Grilloarriva a Casal di Principe

A Casal di Principe arriva il movimento Cinque stelle di Beppe Grillo. In un un'assolata Piazza Mercato, la piazza storica dei comizi del Pdl, gli esponenti del movimento di Grillo sono stati accolti con curiosità, ma anche da una buona presenza di cittadini casalesi che hanno convintamente applaudito i candidati che si sono succeduti al microfono. Con i 5 stelle, in piazza anche il movimento dei Forconi "Insorgenza Civile" che qui ha una sua piccola base di rappresentanza.

E' stato un crescendo di interventi, da Antonello Iacono a Mario Goffredo, da Salvatore Micillo ad Antonio Impagliazzo, tutti a parlare di "temi sensibili" per i casalesi. "In Italia questa cittadina non è conosciuta per essere esattamente un "Casale del Principe", ma vi conoscono per altri motivi - ha detto Antonello Iacono, uno dei candidati alla camera per il movimento 5 stelle - Io non credo che qui ci sono solo criminali e sono convinto che la maggioranza dei cittadini sono persone per bene, come quelle che ora ho conosciuto io. Persone che vogliono il riscatto della loro terra. Qui non siamo venuti a chiedervi a chiedervi solo un segno sulla scheda il 24 e 25 febbraio prossimo, ma vi stiamo chiedendo di partecipare al cambiamento insieme a noi".

"Siamo venuti qui a chiedervi del coraggio - ha esordito Micillo - candidato per la camera a Campania 2 - originario di Giugliano e militante della prima ora del movimento contro le discariche - questa parola è forse inutile quando parlo in questa mia terra. In questa terra dove ci hanno tolto tutte le bellezze. Qui si muore di tumore perché ci hanno riempito di discariche. Il fatto è che qui è sempre mancata la cittadinanza attiva dei cittadini. E noi siamo qui per chiedervi questo: di non delegare ad altri i nostri problemi, ma di crescere assieme. Vorremmo non più resistere, ma esistere in questa terra."

E' toccato a Mario Goffredo, altro candidato, affrontare un tema come quello dell'abusivismo edilizio che qui tra san Cipriano di Aversa, Casapesenna e Casal di Principe, interessa migliaia di persone. " No ai condoni - ha detto Mario Goffredo, lui che è ischitano e che ha lo stesso problema sull'isola verde - ma troviamo una soluzione ragionevole, perché a questo fenomeno, che i politici hanno lasciato crescere negli anni, ora sono interessate migliaia di famiglie, di giovani coppie che sono state costrette anche a barattare la loro dignità, a "vendere" il proprio voto per poter vivere in una casa di proprietà. Si deve dare la possibilità di riscattare la propria abitazione invece di abbatterla. Perché dopo vent'anni dall'abuso si è creata un'altra situazione." E poi ha affrontato il tema della "bellezza". "La nostra tradizione urbanistica è famosa nel mondo da sempre. E com'è possibile che in giro ci sono solo scatole quadrate? Così si costruisce? Senza alcuna bellezza? Ci hanno tolto la dignità dell'esistenza".
Powered by mvnForum

Iscriviti

Iscritti a Meetup, Entrate

Cliccando "Iscriviti" o "Iscriviti usando Facebook", confermi di accettare i nostri Termini di Servizio & Politica di Privacy