Bacheca messaggi Meetup Isola d'Ischia ★ Ambiente ed Energia › AGOSTO 2009 NUOVA ROTTURA AL CAVO ENEL/TERNA SOTTOMARINO (E IL PCB?)

AGOSTO 2009 NUOVA ROTTURA AL CAVO ENEL/TERNA SOTTOMARINO (E IL PCB?)

Andrea D.
Aboliamoli.eu
Forio, NA
Post n.: 3.442
Ma le analisi dell'ISPRA su sedimenti e pesci sono di pubblico dominio? Io sono rimasto alle analisi della Provincia di Napoli.

Anche se la posidonia non è danneggiata, siamo sicuri che una sostanza cancerogena, persistente, liposolubile (ovvero si concentra sulla sabbia e da qui nei grassi animali e poi in noi uomini) non crea danni a nessuno?

Ciao Luca,
come avrai letto Sonia ha chiesto di avere accesso alla documentazione del fascicolo e la Commissione non può opporsi in virtù della normativa che regola la trasparenza degli atti delle istituzioni europee quindi si spera di avere qualche informazione in più prossimamente...

Per quanto riguarda il tuo quesito, è la stessa cosa che mi chiedo anche io. A maggior ragione considerato che la nostra isola (lo so che facciamo difficoltà a crederci) è considerata una zona protetta a livello europeo (Natura 2000) disciplinata dalla direttiva Habitat 92/43/CEE che all'Articolo 6 recita:


Articolo 6

1. Per le zone speciali di conservazione, gli Stati membri stabiliscono le misure di conservazione necessarie che implicano all'occorrenza appropriati piani di gestione specifici o integrati ad altri piani di sviluppo e le opportune misure regolamentari, amministrative o contrattuali che siano conformi alle esigenze ecologiche dei tipi di habitat naturali di cui all'allegato I e delle specie di cui all'allegato II presenti nei siti.

2. Gli Stati membri adottano le opportune misure per evitare nelle zone speciali di conservazione il degrado degli habitat naturali e degli habitat di specie nonché la perturbazione delle specie per cui le zone sono state designate, nella misura in cui tale perturbazione potrebbe avere conseguenze significative per quanto riguarda gli obiettivi della presente direttiva.

3. Qualsiasi piano o progetto non direttamente connesso e necessario alla gestione del sito ma che possa avere incidenze significative su tale sito, singolarmente o congiuntamente ad altri piani e progetti, forma oggetto di una opportuna valutazione dell'incidenza che ha sul sito, tenendo conto degli obiettivi di conservazione del medesimo. Alla luce delle conclusioni della valutazione dell'incidenza sul sito e fatto salvo il paragrafo 4, le autorità nazionali competenti danno il loro accordo su tale piano o progetto soltanto dopo aver avuto la certezza che esso non pregiudicherà l'integrità del sito in causa e, se del caso, previo parere dell'opinione pubblica.

4. Qualora, nonostante conclusioni negative della valutazione dell'incidenza sul sito e in mancanza di soluzioni alternative, un piano o progetto debba essere realizzato per motivi imperativi di rilevante interesse pubblico, inclusi motivi di natura sociale o economica, lo Stato membro adotta ogni misura compensativa necessaria per garantire che la coerenza globale di Natura 2000 sia tutelata. Lo Stato membro informa la Commissione delle misure compensative adottate.

Qualora il sito in causa sia un sito in cui si trovano un tipo di habitat naturale e/o una specie prioritari, possono essere addotte soltanto considerazioni connesse con la salute dell'uomo e la sicurezza pubblica o relative a conseguenze positive di primaria importanza per l'ambiente ovvero, previo parere della Commissione, altri motivi imperativi di rilevante interesse pubblico.

Per questo la Corte di Giustizia ha qualche mese fa condannato l'Italia per violazione di tale articolo con riferimento alla causa C-491/08 "Is Arenas, Sardegna". Ischia invece, nonostante ce ne siano a decine di esempi contrari alle disposizione di tale articolo, sembra che nella direttiva ci sia solo sulla carta.

Luca T.
user 3753233
Ischia, NA
Post n.: 580
Mimmo: per quello che ricordo dopo anni di inattività nel settore bonifiche, le analisi con benna possono essere condotte sino ad uno spessore di 50 cm di fondale, oltre il quale è necessario un carotiere. Tu non hai i risultati delle analisi ISPRA? Sono proprio curioso.
Iscritto precedentemente
Post n.: 224
non sono in possesso delle analisi ispra effettuate un anno dopo l'evento era proprio il periodo di passaggio da icram a ispra ma quasi sicuramente non è stata fatta la valutazione dello stato di conservazione delle praterie di posidonia

penso invece che per ogni tipo di benna lo spessore del campione ottenuto dovrebbe essere paragonabile con quello dello strato più superficiale delle carote (indicativamente 10 cm)". quindi con le correnti presenti in quel tratto di mare si campiona praticamente il nulla

sono trucchetti del mestiere come quelli di diluire i campioni di olio per ridurre le percentuali di inquinanti

purtroppo scientificamente ritrovare 1680 volte di PCB sostanze lipoaffini e non idrosolubili non puo certo portare all'assenza di inquinanti PCB nel sedimento marino e nelle reti trofiche penso sia chiaro no?

poi ognuno fa le analisi come crede e con la competenza che possiede .

non mi dici nulla del quantitativo di pcb ritrovato nei pesci dall'istituto zooprofilattico del mezzogiorno nelle analisi richieste da generazione attivai?
Iscritto precedentemente
Post n.: 227
sono di nuovo li, ma si rompono sempre questi cavi??

a nessuno importa, vedete chi rilascia i nulla osta ord 55 http://www.guardiacos...­

http://www.tgischia.i...­
Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 847
sono di nuovo li, ma si rompono sempre questi cavi??

a nessuno importa, vedete chi rilascia i nulla osta ord 55 http://www.guardiacos...­

http://www.tgischia.i...­



Stramaledettiangry
Andrea D.
Aboliamoli.eu
Forio, NA
Post n.: 3.473
sono di nuovo li, ma si rompono sempre questi cavi??

a nessuno importa, vedete chi rilascia i nulla osta ord 55 http://www.guardiacos...­

http://www.tgischia.i...­



Stramaledettiangry

E nessuno si muove (Procura, Arpac, Asl, Noe) N.E.S.S.U.N.O.angry
Andrea D.
Aboliamoli.eu
Forio, NA
Post n.: 3.474
Calabria-Sicilia: cavi sottomarini da record

(23 giugno 2011)


Nuovo collegamento elettrico Terna tra Sicilia e Calabria, investimento di oltre 700 milioni di euro. 2000 megawatt. 105km di lunghezza, 38 km di cavi sottomarini sotto lo Stretto. Record mondiale di lunghezza per i cavi in corrente alternata. L’opera è stata presentata a Messina
Mario G.
user 3721573
Ischia, NA
Post n.: 1.674
Calabria-Sicilia: cavi sottomarini da record

(23 giugno 2011)


Nuovo collegamento elettrico Terna tra Sicilia e Calabria, investimento di oltre 700 milioni di euro. 2000 megawatt. 105km di lunghezza, 38 km di cavi sottomarini sotto lo Stretto. Record mondiale di lunghezza per i cavi in corrente alternata. L’opera è stata presentata a Messina

Un incubo sottomarino che accerchierà anche l'Isola d'Ischia se non facciamo qualcosa
Davide I.
Domanidomani
Organizer del gruppo
Ischia, NA
Post n.: 850
Sul Golfo di oggi, Mimmo Sferratore sul "PCB"
«A nessuno interessa più che migliaia di bagnanti tra cui bambini e anziani nell’estate 2007 si sono trovati, come da accertamenti dell’ARPAC, a fare il bagno con  la presenza di PCB 1860 volte superiore  ai limiti»......................
Andrea D.
Aboliamoli.eu
Forio, NA
Post n.: 3.479
Sul Golfo di oggi, Mimmo Sferratore sul "PCB"
«A nessuno interessa più che migliaia di bagnanti tra cui bambini e anziani nell’estate 2007 si sono trovati, come da accertamenti dell’ARPAC, a fare il bagno con  la presenza di PCB 1860 volte superiore  ai limiti»......................
­
Ineccepibile Mimmo, come sempre. Ora però stiamoci zitti e lasciamo che le cose continuino in silenzio ;-)
Powered by mvnForum

Iscriviti

Iscritti a Meetup, Entrate

Cliccando "Iscriviti" o "Iscriviti usando Facebook", confermi di accettare i nostri Termini di Servizio & Politica di Privacy